“Affare Acqua”: le sentenze sono “carta straccia”, la politica sicula se ne fotte della legge. E Fratelli d’Italia gestisce tutto, o quasi


Pubblicato il 06 Gennaio 2024

Malgrado due sentenze (dicembre 2021, dicembre 2022) abbiano sancito i diritti di Sie -la società mista pubblico-privato, gestore unico che ha regolarmente vinto un appalto per il servizio idrico- in particolare per l’aggiornamento della vecchia convenzione con l’allora Ato e quindi procedere con la sottoscrizione e il trasferimento, consegna degli impianti di sollevamento entro febbraio 2023(sic!), dai vertici della politica siciliana viene un preciso segno contrario: uno “stop” all’appena nominato commissario , su decisione dello stesso governo siciliano. Non male! In italiano, significa fottersene della legalità. Rispetto della legge? No, la legge -in questo caso- è “carta straccia”. Il centrodestra della “legge dura e pura”, dilaniato dall’ennesima rissa su “posti&affari”, mostra il suo volto peggiore. Dall’altra parte, il Pd prenda la solita posizione scontata, frutto delle scelte di una dirigenza, quella di Barbagallo, è conferma la sua modestia, la sua apparente coerenza. Teatro di un teatrante qual è il suo segretario regionale.

I sindacati fanno da cornice a questa ennesima “pagina nera” della politica sicula: di fatto, una rissa, o almeno anche loro contribuiscono ad alimentare un “clima da rissa”, con posizioni diverse. Mentre tutto è chiaro: malgrado i bizantinismi degli appositi “operatori del diritto”, è tutto chiaro. E da decenni: dal 2005. La Sie, da parte sua, ha firmato dall’ottobre del 2023. Ma, la volontà di non mollare la “moltiplicazione degli acquedotti e delle poltrone” sembra prevalere. Il problema, allora, è la resistenza degli “acquedottisti” e delle partecipate nei confronti dell’affido del servizio idrico integrato al gestore unico che, per quanto attiene alla provincia di Catania esiste già ed è la Sie SpA. Società costituita conformemente alle direttive del legislatore comunitario ed avversata in tutte le sedi giudiziarie da chi è portatore di interessi contrapposti ed orientati a mantenere la gestione in una “logica gattopardiana”.

Proprio perchè mentre il solito centrodestra italiana si mostra liberista coi poveracci e statalista con gli “interessi forti”, tradotto in lingua italiana corrente: “Chi deve gestire servizi?” o meglio “cu si pigghia l’appalti?” Ma vuoi vedere che finisce che il Cga metterà il suo di commissario? Il commissariamento del commissariamento? Mai dire mai.

E siccome la vita è piena di imprevisti (si dice) ma talora gli “imprevisti” sembrano “altamente previsti”, ad oggi – mentre tutto è in rissa e tutto si ferma- inopinatamente a trarne vantaggio vuoi vedere che resta Fratelli d’Italia, pardon il commissario per la depurazione? E che depurazione!

Gratta gratta, sotto i liberisti all’italiana, spuntano sempre i vecchi amici dei “fasci e delle corporazioni”. Succede da qualche decennio.

iena marco benanti.

.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

Riceviamo e pubblichiamo. Egregio (si fa per dire) direttore di Ienesicule, malgrado la vostra presenza mediatica, contrassegnata dalla pervicace volontà di colpire una delle migliori Amministrazioni che la Città di Catania abbia mai avuto, le cose per la Nostra Città stanno andando sempre meglio. Non avrei mai voluto scrivere a gente come voi, gente che […]

1 min

“Il Reddito di cittadinanza funzionava alla grande per dare una mano agli ultimi. E questa volta non sono i contiani o altre fonti, pur autorevolissime, a riconoscerlo, ma è lo stesso governo nazionale. Lo dice, come riporta oggi Repubblica, la relazione sulla povertà messa a punto dalla commissione del ministero del Lavoro. Nei quattro anni […]