Avvocatura catanese: anche i ricchi piangono


Pubblicato il 27 Luglio 2022

Flagellato dalla canicola e dalla sua città, al catanese sfuggono cose fondamentali per il futuro suo e dell’umanità. Come le vicende dell’Avvocatura rossazzurra, un mondo variopinto, dove i confini del Bene e del Male talora sfumano.

E allora ecco che in occasione dell’elezione del nuovo Consiglio di Disciplina sono accadute “cose turche”, o simili. O almeno così raccontano dalle “segrete stanze”(del vescovo?). In primis, parrebbe che talune “scelte di vita” abbiano “folgorato” taluni componenti del Coa (Consiglio Ordine Avvocati) all’insegna dell’utilitarismo. Che non è peccato, ma che potrebbe stridere con i “bandieroni” dei “valori” (talora volteggianti in mani incoerenti). Insomma, l’utile (il consenso?) pare abbia avuto talora la prevalenza. Con tanti bei saluti alle premesse di “nuove leve” promettenti…a parole.

Così, di passaggio in passaggio (di lista), andiamo oltre ed evidenziamo ora la “Sacra Famiglia” che in Italia è sempre uno dei “valori” della nazione, ma che a Catania diventa cultura radicata nei secoli. In Saecula saeculorum, o meglio se volete in mulieribus dignitatem. Più prosaicamente, parliamo di “moglismo”, probabile faccia speculare del “generismo”, anche perché la parità di genere è ormai valore politico e giuridico condiviso. Ecco, allora, che nel nuovo Consiglio chiamato a vigilare sulla deontologia degli avvocati (esiste), spuntano nomi di illustri casati, dalla famiglia, pardon dallo studio Ziccone a quello di Spagnolo. Noblesse oblige. E proprio per l’ Alto Lignaggio ci saremmo aspettati anche in questo nuovo CDD il nome di Dario Seminara. E, invece, no! Il rigore non paga, direbbero gli antijuventini: in realtà, l’approccio iperlegalitario (così viene descritto l’ “animus agendi” del Seminara) non avrebbe davvero prodotto i frutti sperati. Trombato! Pardon, non eletto! E, invece, al Coa ci siamo dovuti sorbire “stagionati arnesi” come Anthony Ciavola, valli a capire i fini della Provvidenza!

Catania ingrata. Che fare di fronte a simili affronti? Indignazione e amarezza: i migliori se ne vanno sempre. Prima o poi.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

Iena comunista. “Compagno” Enrico, nell’ultimo post ti sei superato. Oltre 700 parole e più di 4500 battute. E un linguaggio che sembra quasi una “memoria difensiva”. Mi chiedo: ma questo amore “incondizionato” per Catania come mai non lo hai mai esternato e messo in atto nel passato? Eppure hai vissuto a Catania. Anche da semplice […]

2 min

Iena comunista “Compagno” Enrico, noto che la tua voglia di comunicare attraverso Facebook è costante. Ho letto il tuo ultimo post sulla visita al Monastero dei Benedettini. Hai usato 313 parole per un totale di oltre 2000 battute. Scrivere un testo del genere, per quanto tu possa essere estremamente abile, richiede del tempo. Sarei molto […]

3 min

Percorsi e strategie per fare applicare il d.l. 124/1998, una legge “dimenticata”  Nella foto, da sin. Ferrara, Aquilone, Giuliano, Attanasio. Catania, 27 maggio 2024 – Un vademecum con 20 domande/risposte, uno sportello-ascolto e un team di volontari. Obiettivo: far valere i diritti dei pazienti contro i ritardi nelle prestazioni sanitarie e le lunghe liste d’attesa e fare […]

7 min

riceviamo e pubblichiamo: ABBATTIMENTO LISTE DI ATTESA IN FARMACIA – SCELTA SBAGLIATA CHE NON TUTELA IL PAZIENTE: IL FARMACISTA NON HA STUDIATO MEDICINA – DURISSIMA PRESA DI POSIZIONE DA PARTE DEL CIMEST Durissima presa di posizione da parte dei vertici del Cimest (Coordinamento Intersindacale Medicina Specialistica di Territorio) presidente Salvatore Calvaruso e coordinatori Domenico Garbo […]