Caso Salernitana. Si attende conferenza stampa di Pietro Lo Monaco


Pubblicato il 21 Luglio 2011

Lo_MonacoMare mosso in casa rossazzurra. Nino Pulvirenti non ha gradito l’offerta presentata da Pietro Lo Monaco, insieme ad una cordata d’imprenditori campani, per la scalata alla Salernitana, poi conclusasi con la vittoria di Gianni Mezzaroma, suocero del presidente della Lazio Lotito, che così è il nuovo patron della squadra campana.

Tra le offerte, come risaputo, ce n’era anche una riconducibile a Pietro Lo Monaco, amministratore del Catania Calcio e principale protagonista dei successi conquistati dai rossazzurri negli ultimi anni. Più dello stesso Pulvirenti.

Quest’ultimo, tuttavia, ha preso posizione in maniera decisa sulla vicenda: “La società Calcio Catania ed il sottoscritto non hanno nulla a che vedere con la trattativa per l’acquisto della Salernitana di cui parla la stampa”. Così ha risposto a chi gli chiedeva notizie sull’interessamento dell’amministratore delegato della sua società, Pietro Lo Monaco, all’acquisizione, con una cordata di imprenditori, della squadra appena fallita e ripescata in Serie D.

“Non ne sapevo e non ne so nulla di questa trattativa – ha detto Nino Pulvirenti – e non nascondo che ci sono rimasto un po’ male dal punto di vista umano. Capisco, invece, da un punto di vista professionale, la scelta che potrebbe fare Pietro Lo Monaco: al Catania il direttore è legato da un contratto e può accadere che prima o poi il rapporto si interrompa e che le nostre strade si dividano, a prescindere dalla vicenda Salernitana”.

Nel pomeriggio, Pulvirenti ha rincarato la dose ai microfoni di Radio Kiss Kiss: ”La vicenda riguarda solo Lo Monaco. Questo modo di fare calcio, del resto, non rientra nei miei parametri, è lontano anni luce dal mio modo di pensare. E lo dico per rispetto sia dei tifosi del Catania sia di quelli della Salernitana. Non mi piace approfittare delle difficoltà altrui per intromettermi in una piazza che non mi appartiene. Per me – ha chiuso il presidente – il calcio è sentimento e passione. Valori che non tradirò mai. Lo Monaco deve scegliere. Qualora la trattativa andasse a buon fine, dovrà decidersi. Non è pensabile che possa ricoprire due ruoli simili contemporaneamente. Sarebbe un conflitto d’interessi abnorme”.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

La Segreteria Provinciale catanese di Fratelli d’Italia – Dipartimento Legalità e Sicurezza, reputa doveroso esternare la propria ammirazione e stima al Sovrintendente Capo della Polizia di Stato Maurizio Grasso il quale, il 18 giugno u.s., transitando, libero dal servizio, con la propria autovettura, in territorio di Belpasso, lungo la strada provinciale 184, si imbatteva sul […]

1 min

“Doveva essere pronta in pochi mesi o comunque prima dell’estate. E invece la nuova pista ciclabile che costeggia il porto è ancora un cantiere aperto. Ci chiediamo e chiediamo all’amministrazione quanto tempo ancora sarà necessario prima che venga ultimata e consegnata ai catanesi?” E’ quanto chiedono i consiglieri comunali del Mpa, Angelo Scuderi e Daniela […]

1 min

Un altro obiettivo per Anastasia Insabella. La giovanissima canoista dello Jomar Club Catania, dopo aver conquistato la medaglia d’oro negli Europei Junior nel K1 1.000 metri, a Bratislava, esordirà mercoledì nei Campionati del Mondo Junior, a Plovdiv, in Bulgaria. Un’altra esperienza azzurra per la quattordicenne del Circolo Canoa Catania, che cercherà di ben figurare contro […]

6 min

L’arrivo di Ficarra e Picone, ieri sera, regala brio e momenti di comicità alla Villa Belvedere di Acireale, nella giornata conclusiva della rassegna cinematografica “Le stranezze di Roberto Andò: da Tomasi di Lampedusa a Luigi Pirandello”. I due attori palermitani infiammano il pubblico accorso in massa per incontrare i loro beniamini. Sul palco, prima della […]