CONDANNATO IL VICEPRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE RICCARDO PELLEGRINO: ENNESIMA “MALACUMPASSA” GIGANTE DELLA POLITICA SICULA


Pubblicato il 04 Dicembre 2023

Pur augurandogli subito di essere assolto nei successivi gradi di giudizio, la condanna (che attiene a fatti non legati al comune di Catania, lo ricordiamo) in primo grado del vicepresidente del consiglio comunale di Catania Riccardo Pellegrino (FI) conserva un significato politico evidente. Al di là di ogni valutazione giudiziaria, che resta in questo momento parziale. Come ricordiamo -se non per dovere di cronaca- le vicende familiari di Pellegrino, leggasi il fratello

https://www.lasicilia.it/cronaca/catania-processo-ippocampo-diventano-definitive-le-condanne-per-i-carcagnusi-1837410/ . Ognuno risponde delle proprie azioni, non di quelle di altri.

Restiamo garantisti, che significa essere contro la cultura del sospetto. Ma anche contro la cultura della sabbia.

Allora, le questioni sono politiche e sottolineiamo politiche:

  1. Riccardo Pellegrino si dimetterà da vicepresidente del consiglio comunale? Sembrerebbe che sia probabile questa scelta.

A nostro avviso, è doverosa, com’è doveroso, in attesa dei successivi gradi di giudizio, non dimettersi dal consigliere comunale.

  1. L’assessore regionale all’economia Marco Falcone, importante esponente di Forza Italia, avrebbe contribuito, secondo non pochi, all’elezione alla carica di vicepresidente del consiiglio comunale di Pellegrino. Ha sbagliato. Politicamente. Ne prenda atto, anzi lo dica. E faccia scelte più oculate.
  2. Il sindaco di Catania Trantino, anche oggi, si trova a vivere una situazione di stampo pirendelliano: da mesi scrive post e fa dichiarazioni sul senso civico, sulla legalità, sul rispetto delle regole. Poi accade che resti silente sul “Caso Di Martino” e oggi “incassi” la condanna -in primo grado- del suo vicepresidente del consiglio comunale. Niente male.

Considerazione politica finale: come accade da decenni, la politica rimane “a rimorchio” della magistratura. Questa politica è incapace di gestire i processi e le scelte adeguate. La magistratura resta di fatto “supplente” anche per questo. E la politica catanese si conferma incapace di selezionare la classe dirigente.

iena marco benanti.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

riceviamo e pubblichiamo: Alla fine del mese di novembre del 2020 il quartiere Santa Maria Goretti – costruito nel 1957 sotto il livello stradale – è stato praticamente investito da un ciclone e sommerso dalle torrenziali acque piovane. Ad oggi il problema degli allagamenti, diventato nel frattempo anche una questione abitativa, non è stato risolto.Nel […]

1 min

Quella che è stata chiamata “Primavera di Catania” (1993-1999) sembrava aver avviato un virtuoso percorso di rinascita che, alla svolta del nuovo secolo, sembrò interrompersi: la città ripiombò in quel degrado dal quale non pare potersi ancora liberare e che è stato simboleggiato dalle strade al buio dell’amministrazione Scapagnini. Come è potuto succedere? Paolino Maniscalco, […]

2 min

comunicato stampa Catania, 25 febbraio 2024 – Quando non si riesce a maneggiare un concetto è meglio lasciarlo da parte. Difficile cogliere il senso della ‘due-giorni’ di Fratelli d’Italia a Catania, pomposamente definita ‘Patrioti in Comune’. Che cosa vuol dire esattamente? Che i ‘Fratelli d’Italia’ sono gli unici patrioti in Comune? Solo a Catania, o […]

2 min

A 120 anni dalla morte di Giorgio La Pira domani sera, alle ore 19, nella sala teatro della parrocchia di San Matteo a Trepunti, frazione di Giarre, si terrà un incontro culturale dedicato alla figura del politico e giurista. “Giorgio La Pira, un politico nuovo. A 120 anni dalla nascita”, organizzato dall’associazione culturale ‘Nuove Idee’ […]