Corso dei Martiri come prima più di prima: dalla “spalla” di Cucuzza alla “lingua” di Legambiente niente cambia. Solo parole. E già si prospetta un “dejà vu”: il nulla cosmico


Pubblicato il 03 Marzo 2024

di iena delle tre carte marco benanti.

Ne avevamo scritto di recente https://www.ienesiciliane.it/corso-dei-martiri-in-esclusiva-la-rivoluzione-targata-amministrazione-e-t/ descrivendo una situazione già imbarazzante, che non prometteva nulla. E, infatti, le “ultime” in tema raccontano che il sindaco Trantino ha spiegato durante il “tè coi biscotti” da Michele Cucuzza che i proprietari delle aree hanno risposto alla sua diffida, ma lui non è soddisfatto. Lo stesso giorno, durante un’altra sorta di “occasione conviviale”, questa volta gentilmente offerta da Legambiente (sì, a Catania succede che da sinistra arrivino queste “occasioni conviviali” per la destra), Trantino ha ribadito la sua insoddisfazione e ha paventato lavori di interramento per i parcheggi e spazi da adibire a scuole e verde. Insomma, si paventa la soluzione project financing, del resto forse l’unica possibile visti i “paletti” dell’Unione Europea in tema di lavori pubblici.

Il problema è la proprietà delle aree, che sono dei privati: l’ipotesi che il comune li acquisti è piuttosto remota e molto onerosa, visti anche i tempi di “vacche magre” che si vivono da tempo. Il quadro che viene fuori è piuttosto complesso e pieno di difficoltà.

Per l’ennesima volta, la “classe dirigente” catanese dimostra di non sapere risolvere una clamorosa “ferita urbanistica” che risale agli anni Cinquanta! Un pezzo di città cambiò volto, al prezzo della speculazione immobiliare: migliaia di famiglie vennero “deportate” nel “Nuovo San Berillo”, mentre il Vecchio quartiere conosceva un processo di degrado inarrestabile. Al netto, ovviamente, dei guadagni privati. Perché Catania è fondata sull’interesse privato. A proposito, forse l’unica cosa che si metterà in moto non sarà ” a’ manicula” , ma la fatturazione di alcuni studi professionali: tiriamo così ad indovinare. Sui possibili nomi lasciamo spazio alle “anime candide” del mondo professionale catanese.

Oggi, dopo annunci in serie che hanno costellato la vicenda anche nel Terzo Millennio, la situazione è in fase di stallo. E come sempre accade, sulle cose importanti (al netto del fumo degli annunci) il sindaco è in chiara difficoltà. Accanto a lui, il “dirigente dei dirigenti” Bisignani sarà forse il protagonista del project? Ipotesi. E il prof. La Greca…che “farà da grande”? Sono davvero in sintonia questi tre personaggi di vertice dell’amministrazione comunale: un “triangolo” di fatto che lavora davvero sulla stessa “lunghezza d’onda”?

I prossimi mesi (o anni? ) ci daranno la risposta. Intanto, Corso dei Martiri resta un “deserto”, immagine e “monumento” all’incapacità amministrativa.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

Al Leonardo Da Vinci (ore 18,30) sarà ospite il Basket Giarre. (foto di Romano Lazzara) Al via, in questo weekend, i play-off della Serie C Unica di basket maschile. Al Leonardo Da Vinci, domani (palla a due alle ore 18,30), l’Alfa Basket Catania riceverà la visita del Basket Giarre per gara 1. In casa rossazzurra […]

2 min

comunicato stampa dalla Polizia di Stato Nel corso della notte, sono giunte presso il 112 NUE diverse chiamate da parte di dipendenti dell’AMT, che hanno riferito che un loro collega – in escandescenza – imbracciando un fucile e minacciando i presenti, aveva impedito loro di entrare nel deposito aziendale, ubicato nella XIII Strada della Zona […]

2 min

COMUNICATO STAMPA Di fronte ad una Sala Pinella Musmeci gremita in ogni ordine di spazio, si è tenuto ieri pomeriggio ad Acireale un interessante convegno organizzato dall’Associazione Forense Acese su un tema di stretta attualità che costituisce, per come ci confermano le cronache, un fenomeno sociale da attenzionare ed affrontare con sempre più consapevolezza “La […]