Europee, il “fenomeno” De Luca si è spento


Pubblicato il 12 Giugno 2024

Ma con gli eletti siamo in buone mani?

di iena al contrario

Le Europee segnano una sconfitta netta di alcune forze politiche. Si infrangono sul deludente risultato i sogni di alcuni politici. Tra questi vi è certamente Cateno De Luca. E sarebbe il caso di dire: chi troppo vuole nulla stringe. Innegabile lo straordinario risultato ottenuto alle regionali siciliane, tanto di cappello per aver conquistato la poltrona da sindaco di Taormina, ma avrebbe dovuto fermarsi e attendere le prossime regionali. E invece ha tentato l’impossibile candidandosi in Brianza e presentandosi alle Europee, con la presunzione di poter fare da solo. Viene da chiedersi: quanti lo seguiranno ancora? E quanti saranno disposti di appoggiarlo alle prossime regionali? Alcuni pare si stiano già guardando intorno, resosi conto che il fenomeno De Luca si è spento.

I quasi 70 mila voti raccolti sono assai lontani dai 500 mila delle regionali. L’apporto, poi, dato da alcuni nuovi arrivi è stato deludente. Si pensi a Sant’Agata Li Battiati dove “Libertà” ha raccolto poco più di 300 voti, nonostante l’apporto del primo cittadino. Il mancato traguardo del 4% non dipende dalla presenza mediatica o dallo stop parziale imposto dai problemi di salute. Del resto: Michele Santoro ha avuto una visibilità sproporzionata eppure è rimasto ai box. Stesso discorso vale per Renzi e Calenda.

Insomma: la presenza sui media non sempre è garanzia di successo. Oggi, peraltro, vi sono tantissimi strumenti alternativi ed efficaci, ma evidentemente per chi non è riuscito a centrare l’obiettivo 4% è mancata una proposta politica capace di sedurre gli elettori. E poi, come abbiamo già scritto, il parlamentare europeo non conta nulla. E’ solo un numero. Rifletteteci: quali risultati strabilianti hanno conseguito i parlamentari europei siciliani? E cosa potranno fare gli eletti in questa tornata? Una beata…

In Sicilia il messaggio degli elettori è stato chiaro: Andate a … E di questo bisognerà tenerne conto. Non si va a votare perché la politica è solo autoreferenziale. Gioire per essere arrivati primi(con alleanze trasversali) o secondi significa non rendersi conto dello scollamento che c’è tra politica e cittadini. In Sicilia più di sei elettori su dieci sono rimasti a casa!


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

Da Marco Iacona arriva “A Destra niente di nuovo, quasi un diario di bordo” Malgrado questa destra di governo, c’è ancora vita a destra? Dopo avere letto il lavoro di Marco Iacona “A Destra niente di nuovo quasi un diario di bordo” per i tipi di “Youcanprint”, la speranza resta. Ma la disperazione corre lungo […]

6 min

Riceviamo e pubblichiamo: “Magnifico Rettore, Chiar.mi componenti del Senato accademico,In preparazione del prossimo Senato, e profondamente convinti del valore del dibattito interno alla nostra comunità accademica, poniamo alla Vostra attenzione la lettera aperta qui allegata, chiedendo di aprire un confronto franco sulla questione di Gaza e della Palestina. Anche alla luce degli sviluppi nel frattempo […]

6 min

Sulle emergenze cenere e rifiuti abbiamo rivolto qualche domanda all’Avv. Fabio Cantarella, già assessore all’ecologia nella giunta Pogliese a Catania. Fabio Cantarella Catania è sommersa dalla cenere dell’Etna: di chi è la responsabilità?  Non vedo una responsabilità in particolare ma la nostra solita incapacità collettiva a valorizzare il patrimonio naturale e architettonico siciliano. In Europa […]

1 min

Nella foto il sindaco Ruggero Strano. Il sindaco di Catania “perde” ancora: cos’è accaduto? Ruggero Strano, sindaco di Castel di Judica, comune della provincia etnea, ha emesso ordinanza per decespugliare gli argini delle strade metropolitane ricadenti nell’area dello stesso comune. L’ordine non è stato eseguito, di qui la verbalizzazione contro…il sindaco metropolitano! E dire che […]