FDI SICILIA: DA NÉ PADRINI E NÉ PADRONI A NON IMPORTA SE E’ CRETINO L’IMPORTANTE E’ CHE SIA AMICO


Pubblicato il 16 Novembre 2022

AVANZA LA “DESTRA DEL MERITO” OVVERO IL “GOVERNO ALL’ITALIANA”, UN PAESE DI SANTI, POETI E FAMIGLI DA SISTEMARE

Fra i giovani militanti del Fronte della Gioventù prima e di Azione Giovani dopo, ovvero dell’organizzazione giovanile del MSI poi divenuto Alleanza Nazionale, un motto andava per la maggiore: “Né padrini, né padroni”, spesso declinato in “Senza padrini e senza padroni”.

Un motto che in poche parole condensava uno stile di vita, una visione del mondo e un modo di essere e di pensare lontano dal grigiore democristiano, dall’evanescenza dei comunisti da salotto e, soprattutto, di guardare ad una politica libera, fatta di meritocrazia, di ragionamento e pronta ad essere contro ogni logica tesa a conservare e preservare posizioni di privilegio e di rendita. Un pensiero duro, non moderato ma certamente non criticabile o da criticare. Si trattava di una splendida sintesi per rappresentare la contrarietà alla politica del malaffare, della connivenza con la mafia e della convenienza ma anche per sottolineare il no, deciso e forte, a chi pensava di selezionare le classi dirigenti cooptando i peggiori in nome della logica non importa se è cretino l’importante è che sia amico. 

Un motto che i fatti accaduti prima con l’individuazione dei nuovi deputati nazionali e poi con l’avvio del nuovo governo regionale in Sicilia sembra essere del tutto stato dimenticato da FDL e, soprattutto, dai suoi dirigenti e militanti nell’isola. Parimente appare lontano dalla fascinazione dell’idea dell’essere distanti dalla logica delle posizioni di rendita e di piccolo cabotaggio la battaglia di Fratelli d’Italia per avere nell’isola, ad ogni costo, l’assessorato al turismo, addirittura, con tanto di dichiarazione pubblica nella quale si sottolinea che si tratta di un settore richiesto in ogni comune e regione da loro governata. Una dichiarazione e una richiesta forzata di delega, questa, che considerata in tale settore, in questi anni di Re Nello, l’assenza generalizzata di attività concrete e rilevanti e di una adeguata e chiara programmazione induce a più di un pensiero cattivo e a più di una seria preoccupazione di cui forse dovrebbero occuparsi e preoccuparsi ben altri palazzi (Musumeci docet). Presidente dell’ARS e assessori imposti, poi, solo perché amici dei capi corrente, così come deputati nominati con pari criterio, unitamente a curriculum vitae in cui l’unico merito sembra essere quello di essere moglie e marito di tizio, amici del nuovo Presidente del Senato o, peggio,  del cognato del Presidente del Consiglio (anche lui, fra l’altro, promosso al rango di super ministro per l’agricoltura in assenza di meriti visibili) sembrano proprio far concludere che alla fine questa nuova destra italiana ama padrini e padroni e, certamente, persegue l’idea che nella scelta di chi mettere nei posti che contano il criterio adottato alla fine è quello del non importa se è cretino, l’importante e’ che sia amico.

di Guido Libero in concorso interno ed esterno di Marco Benanti.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

riceviamo e pubblichiamo: Alla fine del mese di novembre del 2020 il quartiere Santa Maria Goretti – costruito nel 1957 sotto il livello stradale – è stato praticamente investito da un ciclone e sommerso dalle torrenziali acque piovane. Ad oggi il problema degli allagamenti, diventato nel frattempo anche una questione abitativa, non è stato risolto.Nel […]

1 min

Quella che è stata chiamata “Primavera di Catania” (1993-1999) sembrava aver avviato un virtuoso percorso di rinascita che, alla svolta del nuovo secolo, sembrò interrompersi: la città ripiombò in quel degrado dal quale non pare potersi ancora liberare e che è stato simboleggiato dalle strade al buio dell’amministrazione Scapagnini. Come è potuto succedere? Paolino Maniscalco, […]

2 min

comunicato stampa Catania, 25 febbraio 2024 – Quando non si riesce a maneggiare un concetto è meglio lasciarlo da parte. Difficile cogliere il senso della ‘due-giorni’ di Fratelli d’Italia a Catania, pomposamente definita ‘Patrioti in Comune’. Che cosa vuol dire esattamente? Che i ‘Fratelli d’Italia’ sono gli unici patrioti in Comune? Solo a Catania, o […]

2 min

A 120 anni dalla morte di Giorgio La Pira domani sera, alle ore 19, nella sala teatro della parrocchia di San Matteo a Trepunti, frazione di Giarre, si terrà un incontro culturale dedicato alla figura del politico e giurista. “Giorgio La Pira, un politico nuovo. A 120 anni dalla nascita”, organizzato dall’associazione culturale ‘Nuove Idee’ […]