IenaRubrica: Trantino “sindaco delle regole”, Le ricordiamo alcune questioni di dettaglio: Sac, “Guerra dell’Acqua”, “dirigenti-imputati” del comune di Catania non spostati e…


Pubblicato il 14 Gennaio 2024

Sindaco, che fa oltre le comparsate da Cucuzza?

Con l’inizio del nuovo anno ritorniamo a inviare due righe di “dettagli&minchiate” al primo cittadino di Catania City.

Dopo l’ultima comparsata sugli schermi tivvù, nel fortunato appuntamento del venerdì con le ficcanti domande di Michele Cucuzza, abbiamo avuto una conferma: Trantino è il “sindaco delle regole”. Ma talora –involontariamente- dimentica alcune cose di dettaglio.

Anche l’altro giorno, il primo cittadino di Catania si è confermato “tutto d’un pezzo” –in nome delle regole- su temi fondamentali: macchine in divieto di sosta, parcheggio “selvaggio”, telecamere manomesse. Oltre alle scuole prese d’assalto –guarda caso in periferia, il “mondo dei cattivi”- da “morti di fame” (“copyright Trantino 2024”).

Dopo mesi a combattere sul video, come sui social, in Municipio come sul motorino, come con la paletta di vigile,  il sindaco ha confermato il suo ruolo di inflessibile “tutore dell’Ordine”.

Allora, noi tentiamo di aiutarlo, segnalando lui alcuni “argomenti di dettaglio” che forse con il rispetto delle regole hanno una qualche vaga aderenza:

vicenda Sac, in particolare “sorte” dell’aerostazione Morandi, dove pare trionfare l’interesse pubblico;

vicenda “guerra dell’acqua”, con annessa “guerra al commissario” nominato dalla Regione (insomma una sorta di “commissariamento in freezer”), con annesse sentenze non rispettate dell’Autorità Amministrativa e rischio di commissariamento da parte del Cga (sindaco, lo statuto dell’Ati prevede il commissariamento, che fa, glielo dice agli altri sindaci?;

la mirabolante “epopea di Salvo Fiore alla Fce”, con annesse dichiarazioni a go go, con tutto un mondo di lavori e di spesa pubblica: in questo caso la invitiamo a sollecitare “il rispetto per l’Intelligenza”;

la mirabolante “epopea di Biagio Bisignani superdirigente –onnipresente- del Comune di Catania”, di recente rinviato a giudizio (è innocente a norma di Costituzione), ma che lei forse ha pensato di spostare ad altro incarico? C’ha pensato?

la stupefacente vicenda del Vecchio San Berillo, dove –a sentire l’ing. Maurizio Palermo, in un recente incontro pubblico- ci sarebbero state inadempienze, violazioni, e soprattutto la cui intesa con i proprietari del 2012 sarebbe già decaduta. Ne ha sentito qualcosa?

La mirabolante privatizzazione del Porto di Catania per soli 25 anni: fra l’altro, quando decine di persone perderanno il lavoro c’andrà a parlare lei?

Buona Domenica.

Ps: Le segnaliamo le cartacce di corso Italia e la “sosta selvaggia” attorno a piazza Verga. Da collega, anche da collega, intervenga.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

leggo di una multa nei tuoi confronti per aver violato il codice della strada. Apprendo anche della pubblicazione della ricevuta che attesta il pagamento del verbale. Resta evidente e imbarazzante la violazione del codice. Caro compagno Enrico, predichi bene ma razzoli male. Come primo cittadino dovresti dare sempre l’esempio. Dare l’esempio significa rispettare le regole […]

3 min

“Difficoltà di accesso alle cure mediche pubbliche tra liste di attesa con tempi biblici e lunghissime trafile per prenotare visite o altri tipi di servizi che non saranno espletati prima di svariati mesi, se non nell’anno successivo. Una situazione drammatica che devono affrontare migliaia di persone costrette sempre più spesso a ricorrere alle prestazioni offerte […]

1 min

Iena Puntese Tutti ne parlano, ma nessuno lo dice ufficialmente. San Giovanni La Punta è in dissesto finanziario. Il comune etneo sarebbe già alla paralisi e alcuni servizi sarebbero già stati tagliati. E i problemi investirebbero anche la Multiservizi puntese. Le voci circolano da tempo e la conferma sarebbe arrivata anche durante l’ultimo consiglio comunale. […]

3 min

FILCAMSCGIL di Catania e Caltagirone Comunicato stampaOttimax Italia SpA del Gruppo Bricofer è stata condannata per condotta antisindacale e alle spese legali. Sedici lavoratori iscritti alla Cgil di Catania avevano rifiutato il trasferimento al Nord Italia. Foti (Filcams Cgil CT): “Una sentenza storica. ———— La Ottimax Italia SpA del Gruppo Bricofer è stata condannata per condotta antisindacale nei […]