Il J’accuse di Otello Marilli su “La Sicilia”: “Dov’è finito il Pd di Catania?”


Pubblicato il 18 Marzo 2021

Ci voleva Otello Marilli, cervello in fuga a Novi Liguri con un passato da riformista catanese, per porre ad alta voce una domanda che – invero – tanti si fanno in questi tempi drammatici ed epidemici: “Esiste ancora un Pd a Catania?”. Si interroga, Marilli.

E lo fa pubblicamente, con una lettera pubblicata sulle colonne de “La Sicilia”: “Esiste ancora un Pd in questa città?”, attacca Marilli. “Sono questi – continua – gli interrogativi che attraversano molti degli esponenti che una volta rappresentavano lo storico partito leader della sinistra. Ora alla luce delle ultime parole del neo segretario nazionale Enrico Letta sulla necessità di riorganizzare un partito dalla base anche a Catania si è aperto un dibattito sul ruolo del partito democratico”.

E dunque, dov’è finito il Pd a Catania? Dov’è finito, giusto ora che la sinistra servirebbe come il pane in una città in cui la “fame” la fa da padrone, in cui il welfare è al collasso, in cui il lavoro è un miraggio, in cui la mafia spadroneggia?

E dov’era il Pd ieri, quando tutta la città si svegliava sgomenta di fronte ad una delle operazioni antimafia più importanti degli ultimi anni? Dov’era il segretario, la segreteria, i dirigenti, i militanti? Perché non una sola parola? Perché del Pd si parla ormai solo nelle cronache giudiziarie in riferimento alle “grane” giudiziarie di qualche suo esponente? “L’impressione che si ha – continua Marilli – è che a Catania si viva un confronto politico monco: l’assenza della sinistra, o del centrosinistra se preferite, dal dibattito politico dà la cifra di una crisi profonda che ha la sua immagine plastica nella scheda elettorale di tre anni fa quando non è stato presentato il simbolo del Pd.

Sparito dalla scheda, sparito quasi dall’immaginario collettivo, chiuso nello scontro delle sue componenti e svuotato dalla scissione che ha portato via con sé i campioni del consenso giunti nel periodo renziano e che, a dirla tutta, non avevano alcun rapporto con il “sentimento ideale e storico”. Domande e riflessioni, affilate come una lama, che hanno la “pretesa” di aprire un dibattito. Ma con chi?

Iena Annibale Barca.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

leggo di una multa nei tuoi confronti per aver violato il codice della strada. Apprendo anche della pubblicazione della ricevuta che attesta il pagamento del verbale. Resta evidente e imbarazzante la violazione del codice. Caro compagno Enrico, predichi bene ma razzoli male. Come primo cittadino dovresti dare sempre l’esempio. Dare l’esempio significa rispettare le regole […]

3 min

“Difficoltà di accesso alle cure mediche pubbliche tra liste di attesa con tempi biblici e lunghissime trafile per prenotare visite o altri tipi di servizi che non saranno espletati prima di svariati mesi, se non nell’anno successivo. Una situazione drammatica che devono affrontare migliaia di persone costrette sempre più spesso a ricorrere alle prestazioni offerte […]

1 min

Iena Puntese Tutti ne parlano, ma nessuno lo dice ufficialmente. San Giovanni La Punta è in dissesto finanziario. Il comune etneo sarebbe già alla paralisi e alcuni servizi sarebbero già stati tagliati. E i problemi investirebbero anche la Multiservizi puntese. Le voci circolano da tempo e la conferma sarebbe arrivata anche durante l’ultimo consiglio comunale. […]

3 min

FILCAMSCGIL di Catania e Caltagirone Comunicato stampaOttimax Italia SpA del Gruppo Bricofer è stata condannata per condotta antisindacale e alle spese legali. Sedici lavoratori iscritti alla Cgil di Catania avevano rifiutato il trasferimento al Nord Italia. Foti (Filcams Cgil CT): “Una sentenza storica. ———— La Ottimax Italia SpA del Gruppo Bricofer è stata condannata per condotta antisindacale nei […]