Intervista al coordinatore meridionale di FN, Bonanno Conti: “Catania e lo Stivale al collasso. Uniti per il bene della Nazione”


Pubblicato il 27 Maggio 2012

di Mirko Tomasino- Iena Vulcanica

E’ un fiume in piena il coordinatore meridionale di Forza Nuova Giuseppe Bonanno Conti (nella foto), simbolo catanese dell’unico partito che – a detta del coordinatore – rappresenta il solo movimento di Opposizione nazionale che supera gli antiquati steccati ideologici di destra e di sinistra. Sul “piatto” di questa intervista numerosi argomenti: governo tecnico, “suicidi di Stato”, Comune e Provincia di Catania, Raffaele Stancanelli e Giuseppe Castiglione, il processo Lombardo e la Regione siciliana e infine un appello a tutte le forze locali indipendenti che vogliono il bene della nostra città e del nostro Paese.Governo tecnico e “suicidi di Stato”. Che colpe da Bonanno Conti a Equitalia, Serit e all’esecutivo su queste morti ?“Equitalia e Serit in Sicilia sono senza dubbio società di “stato” autorizzate allo strozzinaggio del contribuente, la colpa dell’altissimo numero di suicidi dovuti a problemi economici che avviene in questi giorni è da attribuire ai modi non equi adottati dalle società di riscossione tributi che ovviamente nessun governo, e figuriamoci un governo di banchieri, ha creduto bene di modificare. Il cosiddetto governo tecnico di Monti & Co. Oggi rappresenta un delitto di democrazia, dove questi burocrati provenienti da banche e multinazionali si sono insediati al governo italiano senza essere stati eletti da nessuno. E’ ormai evidente come questi governanti chiedano sacrifici agli Italiani, che ormai sono alle corde, non rinunciando a nessun beneficio e posizionandosi come naturali eredi di una casta di politicanti corrotti ed affamatori della Nazione”.Quanto di Forza Nuova c’è nel movimento dei Forconi e nelle sue proteste?“Ho letto la notizia che gira da alcuni giorni su una protesta imminente in Sicilia ed in altre parti d’Italia ma dubito della attuale effettiva capacità di mobilitazione di questo movimento in quanto ha perso la “purezza rivoluzionaria” dei primi giorni e non riesce a trovare uno spirito di lotta . Forza Nuova ha appoggiato sin dal primo giorno tutte le battaglie dei forconi perchè le riteneva giuste e condivisibili, ancora oggi se dovessimo intravedere una sincerità di lotta potremmo scendere in piazza a fianco dei lavoratori che protestano contro lo stato di crisi e contro leggi inique che tartassano le piccole e medie aziende che operano in determinati settori produttivi”.

Mariano Ferro ha spesso dichiarato che con Forza Nuova non vuole avere nulla a che fare mentre Martino Morsello si dimostra sempre molto aperto al vostro partito. Lei è un “ferriano” o un “morselliano” in questo senso ?“Continuo a non comprendere questa paura atavica di Forza Nuova, il sig. Ferro dovrebbe finalmente comprendere che l’antifascismo ha sempre diviso il popolo italiano con il risultato che i soliti noti politicanti mafiosi e corrotti ci hanno affamato e portato allo attuale stato di cose. Io non sono nè “ferriano” nè ” morselliano” anzi auspico che il “Movimento dei Forconi” ritrovi una unità di base per rilanciare in grande la protesta e costruire insieme ai movimenti anti-sistema e non coinvolti con il potere una grande forza popolare che possa sradicare la cancrena del clientelismo politico parassitario che tutto gestisce e nulla fa crescere.Anzi approfitto di questa intervista, se me lo permette, per lanciare un appello ai leader dei vari tronconi dei “Forconi”, così come al Sig. Zamparini con il suo “Movimento per la Gente”, al sig. Richichi con il suo “Forza D’urto” degli autotrasportatori e a tutti i movimenti rivoluzionari ed anti-sistema che hanno a cuore la Sicilia e L’Italia per cercare insieme a FN , attraverso l’individuazione comune di una base di lotta e su alcune proposte specifiche, una sintesi per lanciare nuove battaglie e perchè no costituire un fronte comune elettorale per le ormai imminenti elezioni regionali, dove senza una unità dei movimenti, a causa di una legge elettorale iniqua ed antidemocratica che penalizza le voci fuori dal coro con un altissimo sbarramento al 5% per accedere alla rappresentanza parlamentare siciliana, rischiamo di restare ancora una volta sulla strada a protestare senza diritto di tribuna da dove lanciare proposte ed iniziative che ci stanno a cuore. Amici e Connazionali pensateci bene, poi sarà inutile piangere e fare inutile retrismo, uniamoci nella lotta Forza Nuova è pronta !”Alla Provincia di Catania, sulla base delle nostre inchieste, fioccano consulenze ma molti progetti (Log – In – Med ad esempio) rimangono in soffitta con relativi ammonimenti dagli uffici di Stato. Come giudica la gestione Castiglione alla Provincia ?“Parto dal presupposto che giudico la provincia solo uno strumento clientelare inutile e costoso, infatti durante l’ultima campagna elettorale del 2008 dove fui candidato a presidente della provincia di Catania la mia proposta era quella di applicare lo statuto siciliano che prevede la soppressione delle provinicie . Detto ciò che dire del sig. Castiglione ? Lui si è ben adeguato alla funzione dell’ente e lo sfrutta per accrescere il suo potere e le sue clientele, ovviamente senza portare alcun progetto sostanziale in porto e limitandosi al normale cabotaggio e patrocinio delle attività di routine…”Al Comune di Catania si profila, per il 2013, la candidatura del “camerata” Salvo Pogliese. Da uomo di destra, come vede ciò, e cosa pensa del possibile dualismo con Berretta (PD) ?“Definire “camerata” un deputato regionale della Pdl mi sembra quantomeno fuori luogo, il sig. Pogliese non è certamente un Camerata, forse lo era da giovane, ma parliamo di secoli fa. Non ho notizia di una sua candidatura a sindaco di Catania e dubito che faccia questo passo in disaccordo politico interno. Per quanto riguarda il sig. Berretta non mi pare abbia alcuna possibilità di essere il prossimo sindaco di Catania, anche se i miracoli possono sempre succedere. Preciso che non sono un uomo di destra e da tempo ho preso le distanze da questo dualismo ottocentesco delle categorie destra/ sinistra. Posso definirmi meglio un “Soldato Politico” al servizio del popolo”.Raffaele Stancanelli, è stato ultimamente autore di una performance poco piacevole con la giornalista di Rai3 Gurrieri durante la manifestazioni delle operatrici socio – assistenziali. Cosa ne pensa del nostro sindaco, alla luce dei molti problemi che ancora permangono in città?“Ritengo che se il sindaco Stancanelli dovesse lasciare il suo posto non lo rimpiangerebbe nessuno in città, dato il grigiore dei suoi 4 anni già passati. nessun cambiamento solo peggioramenti, caos, sporcizia, disordine, provvedimenti atti a distruggere il commercio del centro storico e dei mercati storici, assessori tra i più ottusi della storia catanese, insomma ha studiato come dare un colpo definitivo a una città già in mano al malaffare ed alla delinquenza.”Processo Lombardo, con il governatore ancora sotto il torchio della giustizia. Come giudica questa vicenda Bonanno Conti e cosa chiede Forza Nuova in tal senso?“E’ notizia freschissima che il governatore Lombardo lascerebbe il suo posto, insieme alla sua giunta raccogliticcia, il 28 luglio per andare a votare per il rinnovo di presidente e parlamento regionale siciliano il 28 ottobre 2012. Ovviamente noi non ci crediamo finchè il tutto avvenga e sicuramente faremo salti di gioia se la notizia fosse veritiera in quanto chiediamo da tempo le dimissioni di Lombardo anche con campagne politiche mirate a questo, con affissione di striscioni e di un manifesto che si può ancora trovare affisso sui muri siciliani dove il governatore è raffigurato da un popolo inferocito con forconi e mazze che lo insegue . Dal punto di vista giudiziario spetta ai giudici dare una sentenza di colpevolezza o di assoluzione noi possiamo solo associarci al saggio detto ” Vox populi, Vox Dei”.Amministrative siciliane. PdL in caduta libera, trionfo del Movimento cinque stelle. Cosa ne pensa Bonanno Conti del trionfo di Grillo e di Grillo stesso ? E’ solo antipolitica o altro ?“Che i partiti tradizionali siano in piena crisi è giustificabile e sintomatico del malcontento che serpeggia nella popolazione, non vedo un trionfo di Grillo e credo che Grillo sia una parte del sistema che si sta inventando un personaggio che arricchendosi attraverso manifestazioni , blog, gadget e spettacoli da l’illusione di esserne contro. L’antipolitica è quanto di peggiore si possa vedere in campo e a criticare, dileggiare, calunniare, insultare siamo un po’ bravi tutti , ritengo che al contrario grandi ideali e grande politica possano riportare quella pulizia etica e morale che in Italia manca da decenni. Di altri comici e buffoni l’Italia non ha bisogno è da 70 anni che ce li troviamo al governo”.Ci illustri i prossimi progetti politici del suo partito in Sicilia e a Catania, e ci dica della veridicità della sua candidatura a sindaco che da alcuni giorni è presente su alcuni sondaggi on-line.“Noi abbiamo in atto una forte campagna di protesta contro la Serit che abbiamo impostato con affissione di grandi striscioni e manichini impiccati con i nomi dei Connazionali suicidatosi negli ultimi giorni, stiamo svolgendo presidi davanti le sedi Serit e l’ultimo si è tenuto preso la Serit di Siracusa proprio venerdì 18 maggio u.s. . Una forte battaglia la lanceremo per l’emissione di una moneta popolare siciliana, visto che anche lo statuto lo prevede, una moneta di proprietà dei cittadini e non delle banche. Sicuramente non staremo a guardare per il prossimo appuntamento elettorale che si profila il 28/29 ottobre 2012 quando si rinnoverà Governatore e parlamento siciliano, da soli o con una grande coalizione anti-sistema noi ci saremo. Per quanto riguarda la mia ventilata candidatura che circola su alcuni sondaggi on –line ritengo presto per confermare questa eventualità che in ogni caso non può essere una decisione personalistica ma che potrebbe maturare con un consenso più allargato rispetto a FN ma che coinvolgerebbe settori produttivi indipendenti della città stanchi di essere vessati ed abbandonati da politicanti arruffoni e fuori dalla realtà. Io conosco bene Catania ci sono nato, al contrario degli ultimi 3/4 sindaci, ci vivo da 50 anni e da 35 anni lotto per cercare di migliorarla in ogni senso. Più libertà, più rigore in questi due estremi individuo un futuro per la nostra città ormai devastata dal caos ed abbandonata al malaffare. Insomma Forza Nuova in campo c’è e cresce giornalmente in barba a crede di nasconderci e crea quell’odioso silenzio mediatico in obbedienza ai potentati di sistema.”Mirko Tomasino – Iena Vulcanica


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

Da Marco Iacona arriva “A Destra niente di nuovo, quasi un diario di bordo” Malgrado questa destra di governo, c’è ancora vita a destra? Dopo avere letto il lavoro di Marco Iacona “A Destra niente di nuovo quasi un diario di bordo” per i tipi di “Youcanprint”, la speranza resta. Ma la disperazione corre lungo […]

6 min

Riceviamo e pubblichiamo: “Magnifico Rettore, Chiar.mi componenti del Senato accademico,In preparazione del prossimo Senato, e profondamente convinti del valore del dibattito interno alla nostra comunità accademica, poniamo alla Vostra attenzione la lettera aperta qui allegata, chiedendo di aprire un confronto franco sulla questione di Gaza e della Palestina. Anche alla luce degli sviluppi nel frattempo […]

6 min

Sulle emergenze cenere e rifiuti abbiamo rivolto qualche domanda all’Avv. Fabio Cantarella, già assessore all’ecologia nella giunta Pogliese a Catania. Fabio Cantarella Catania è sommersa dalla cenere dell’Etna: di chi è la responsabilità?  Non vedo una responsabilità in particolare ma la nostra solita incapacità collettiva a valorizzare il patrimonio naturale e architettonico siciliano. In Europa […]

1 min

Nella foto il sindaco Ruggero Strano. Il sindaco di Catania “perde” ancora: cos’è accaduto? Ruggero Strano, sindaco di Castel di Judica, comune della provincia etnea, ha emesso ordinanza per decespugliare gli argini delle strade metropolitane ricadenti nell’area dello stesso comune. L’ordine non è stato eseguito, di qui la verbalizzazione contro…il sindaco metropolitano! E dire che […]