L’accordo Lombardo/Salvini è la definitiva negazione del Movimento per l’Autonomia


Pubblicato il 10 Ottobre 2023

di iena marco pitrella

«Farò il nonno, ho fatto un voto, non mi candiderò più a nulla», Raffaele Lombardo andava dicendo nel corso del processo.

Adesso è tornato a fare «u spettu»; l’accordo con la Lega, o meglio con Matteo Salvini, è la notizia: «accordo che vedrà Lega e Mpa collaborare nelle varie amministrazioni e correre insieme alle prossime elezioni europee», s’è letto nel comunicato che tutto «priato» lo stesso Lombardo ha pubblicato persino sul suo profilo facebook.

È roba stantia perché politicamente senza alcuna visione, è roba già vista alle elezioni nazionali del 2006: sotto l’effige di Alberto da Giussano, simbolo del carroccio, svolazzava, infatti, una colombella più confusa che persuasa, era la colombella del Movimento per l’Autonomia.

Di che stupirsi? tutto in funzione elettorale fa Lombardo: o si candida alle elezioni europee o tornassero le provinciali, candidato a presidente della provincia, si dice.

A conferma, è clamoroso come l’accordo con Salvini arrivi mentre in Parlamento si discute dell’autonomia differenziata, che se approvata sarà requiem per tutto il sud, con il rischio di tornare alle origini della questione meridionale, neanche fossimo ai tempi dell’unità d’Italia; non a caso è secessione delle regioni ricche dalle regioni povere: altro che autonomia, altro che autonomismo, altro che autonomista: l’accordo di oggi con la Lega di Salvini e di Roberto Calderoli è la definitiva negazione del suo movimento, l’Mpa, fondato nel 2005.

Del resto, Lombardo non va oltre se stesso, e di se stesso ne è la continua riproposizione.

Come quando nel 1999, l’anno del ritorno a seguito delle vicende giudiziarie che lo videro coinvolto nel 1992 e nel 1994, da cui manco a dirlo ne uscì assolto; come quando nel 2003 presidente della provincia di Catania, come quando nel 2008 presidente della Regione e come quando alle ultime amministrative di Catania aveva il patto con Fratelli d’Italia, prima che con tutto il centrodestra, e adesso, appunto, accordo con la Lega.

Ora, se il lettore più attento si sta domandando come mai nessuno dei «suoi» abbia dissuaso Lombardo dal far un accordo così fatto, l’accordo con Salvini, la risposta è solo una: il re è nudo ma fanno a gara nel magnificare l’abito che non indossa.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

La Segreteria Provinciale catanese di Fratelli d’Italia – Dipartimento Legalità e Sicurezza, reputa doveroso esternare la propria ammirazione e stima al Sovrintendente Capo della Polizia di Stato Maurizio Grasso il quale, il 18 giugno u.s., transitando, libero dal servizio, con la propria autovettura, in territorio di Belpasso, lungo la strada provinciale 184, si imbatteva sul […]

1 min

“Doveva essere pronta in pochi mesi o comunque prima dell’estate. E invece la nuova pista ciclabile che costeggia il porto è ancora un cantiere aperto. Ci chiediamo e chiediamo all’amministrazione quanto tempo ancora sarà necessario prima che venga ultimata e consegnata ai catanesi?” E’ quanto chiedono i consiglieri comunali del Mpa, Angelo Scuderi e Daniela […]

1 min

Un altro obiettivo per Anastasia Insabella. La giovanissima canoista dello Jomar Club Catania, dopo aver conquistato la medaglia d’oro negli Europei Junior nel K1 1.000 metri, a Bratislava, esordirà mercoledì nei Campionati del Mondo Junior, a Plovdiv, in Bulgaria. Un’altra esperienza azzurra per la quattordicenne del Circolo Canoa Catania, che cercherà di ben figurare contro […]

6 min

L’arrivo di Ficarra e Picone, ieri sera, regala brio e momenti di comicità alla Villa Belvedere di Acireale, nella giornata conclusiva della rassegna cinematografica “Le stranezze di Roberto Andò: da Tomasi di Lampedusa a Luigi Pirandello”. I due attori palermitani infiammano il pubblico accorso in massa per incontrare i loro beniamini. Sul palco, prima della […]