RI FONDAZIONE COMUNISTA SINISTRA EUROPEA: PER SUPERARE LA CRISI IDRICA IN SICILIA SERVE UNA PROGRAMMAZIONE OCULATA. NO ALLE SPECULAZIONI SULL’ACQUA! SI TORNI AD UNA GESTIONE PUBBLICA!


Pubblicato il 06 Luglio 2024

È di questi giorni la notizia che la Commissione Parlamentare per il contrasto degli svantaggi derivanti dall’insularità ha ascoltato, in merito alla crisi idrica che attanaglia la Sicilia, il Sindaco di Torrenova, Salvatore Castrovinci, in qualità di Presidente di Siciliacque.
Durante l’audizione, Castrovinci ha evidenziato la gravità della crisi nell’Isola e ha relazionato alla Commissione sugli interventi eseguiti da Siciliacque e sugli investimenti sin qui pianificati.
Lo stesso Castrovinci, tuttavia, ha espresso preoccupazione riguardo alla situazione ad alto rischio e ha sottolineato che solo una programmazione oculata e mirata può mitigare i disagi e i danni causati dalla grave siccità.
Come non concordare con questa affermazione del Sindaco di Torrenova che di per sé implicitamente solleva interrogativi sulla possibilità di Siciliacque o di realtà similari sostanzialmente di natura privata di poter e saper affrontare una crisi di tale portata.

È evidente infatti che una programmazione e una pianificazione a medio e lungo periodo può essere effettuata solo da un gestore pubblico che non mira ad un profitto immediato.
Rifondazione Comunista Sicilia, perciò, sollecita la Regione e gli amministratori locali ad intervenire tempestivamente sulla crisi idrica, già drammatica, sia razionalizzando ed efficientando la rete, il consumo e la distribuzione, sia trovando nuove fonti.

Tuttavia, per affrontare con efficacia un fenomeno che sarà sempre più presente alle nostre latitudini occorrono investimenti, pianificazione e programmazione e una gestione pubblica dell’acqua, superando visioni ideologiche e privatizzatrici.

L’ acqua è un bene pubblico, ormai scarso, che va gestito con oculatezza e razionalità, non lasciamolo nelle mani di pochi speculatori privati e alla miopia del mercato. L’ acqua è un bene comune usiamola bene e a vantaggio di tutti.

Nicola Candido, Segretario regionale Sicilia

Fabio Cannizzaro, Responsabile autonomie e cultura Sicilia

Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

Da Marco Iacona arriva “A Destra niente di nuovo, quasi un diario di bordo” Malgrado questa destra di governo, c’è ancora vita a destra? Dopo avere letto il lavoro di Marco Iacona “A Destra niente di nuovo quasi un diario di bordo” per i tipi di “Youcanprint”, la speranza resta. Ma la disperazione corre lungo […]

6 min

Riceviamo e pubblichiamo: “Magnifico Rettore, Chiar.mi componenti del Senato accademico,In preparazione del prossimo Senato, e profondamente convinti del valore del dibattito interno alla nostra comunità accademica, poniamo alla Vostra attenzione la lettera aperta qui allegata, chiedendo di aprire un confronto franco sulla questione di Gaza e della Palestina. Anche alla luce degli sviluppi nel frattempo […]

6 min

Sulle emergenze cenere e rifiuti abbiamo rivolto qualche domanda all’Avv. Fabio Cantarella, già assessore all’ecologia nella giunta Pogliese a Catania. Fabio Cantarella Catania è sommersa dalla cenere dell’Etna: di chi è la responsabilità?  Non vedo una responsabilità in particolare ma la nostra solita incapacità collettiva a valorizzare il patrimonio naturale e architettonico siciliano. In Europa […]

1 min

Nella foto il sindaco Ruggero Strano. Il sindaco di Catania “perde” ancora: cos’è accaduto? Ruggero Strano, sindaco di Castel di Judica, comune della provincia etnea, ha emesso ordinanza per decespugliare gli argini delle strade metropolitane ricadenti nell’area dello stesso comune. L’ordine non è stato eseguito, di qui la verbalizzazione contro…il sindaco metropolitano! E dire che […]