Spettacoli e Cultura: oggi al Castello Ursino di Catania lo spettacolo Medea prodotto da Artelè


Pubblicato il 06 Ottobre 2022

Alle ore 21 nell’ambito di Catania Summer Fest. Lo spettacolo, prodotto da Artelè, è diretto da Sebastiano Mancuso e vede protagonisti Luana Toscano, Liborio Natali, Antonella Scornavacca, Santo Santonocito ed Elmo Ler.

Al Castello Ursino di Catania, giovedì 6 ottobre, nell’ambito di Catania Summer Fest, Artelè propone lo spettacolo diretto da Sebastiano Mancuso con Luana Toscano, Liborio Natali, Antonella Scornavacca, Santo Santonocito ed Elmo Ler

Una Medea estremamente innovativa che, attraverso un’introspezione psicologica dei personaggi, porta in scena le anime dei protagonisti. E’ la Medea prodotta da Artelè in collaborazione con l’associazione Absinthe che va in scena giovedì 6 ottobre alle 21, al Castello Ursino di Catania nell’ambito di Catania Summer Fest (info 095530153).

Lo spettacolo, scritto da Jean Anouilh e diretto da Sebastiano Mancuso, vede in scena Luana Toscano nel ruolo del titolo, Liborio Natali in quello di Giasone, Antonella Scornavacca che è la nutrice, Santo Santonocito nei panni di Creonte ed Elmo Ler in quelli del messaggero. La compagnia dà vita a un’opera nata nel 1946 in cui il mito antico si mescola con le sollecitazioni morali del periodo quali l’esilio, l’omicidio e l’avversione indiscriminata nei confronti degli stranieri. Tutti sentimenti di odio che oggi, a distanza di oltre settant’anni sono, purtroppo, estremamente attuali. “Ho sempre studiato il mito – racconta il regista Sebastiano Mancuso – e mi sono sempre occupato, soprattutto, della sua attualizzazione, cercando di portare i temi delle tragedie greche nel nostro tempo. In questa mia ricerca mi sono imbattuto nel testo di Jean Anouilh che mi ha conquistato e da cui sono partito per questa Medea così unica e diversa che ha, soprattutto, il preciso obiettivo di scoprire la complessa umanità dei miti antichi e le paure della società di oggi”.

E per farlo, il regista ha voluto usare anche una simbologia particolare che si affida a una scena scarna che vede al centro una piramide con sette gradini e che ricorda nello stile quelle delle popolazioni indigene americane, grandi altari dove avvenivano i sacrifici umani. “La piramide – dice – è composta da sette scalini, numero simbolo per eccellenza della ricerca mistica che rappresenta ogni forma di scoperta e conoscenza. Le anime dei protagonisti vengono delineate con i loro sentimenti e spogliate di ogni orpello mitico-mitologico, cercando di estrapolare una visceralità profonda, carnale e soprattutto attuale”. 


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

di iena delle tre carte marco benanti. Ne avevamo scritto di recente https://www.ienesiciliane.it/corso-dei-martiri-in-esclusiva-la-rivoluzione-targata-amministrazione-e-t/ descrivendo una situazione già imbarazzante, che non prometteva nulla. E, infatti, le “ultime” in tema raccontano che il sindaco Trantino ha spiegato durante il “tè coi biscotti” da Michele Cucuzza che i proprietari delle aree hanno risposto alla sua diffida, ma lui […]

2 min

“Escalation irrefrenabile, in Italia oltre quattro episodi al giorno: situazione allarmante anche in Sicilia”. I segretari nazionali Toni Megna e Igor Tullio: “Allo studio iniziative per garantire sostegno e tutele al personale in divisa” “In Italia è in atto una grave delegittimazione dell’operato delle Forze dell’Ordine, congiuntamente all’utilizzo di un linguaggio intriso di odio che […]

1 min

Matas Budrys, ieri per lui 27 punti (Foto di Romano Lazzara) NUOVA PALL. MARSALA 70 ALFA BASKET CATANIA 78 Marsala: Cucchiara 7, Linares 13, Dancetovic 7, Genovese 12, Tamulis 12, Abrignani 2, Gentile 1, Donato 2, Parisi, Frisella 14, Chen, Grazioso. All: Grillo. Alfa: Virgillito ne, Arena 4, Longo ne, Torrisi, Budrys 27, Bergamo 18, […]

1 min

IENA CON IL FAZZOLETTO “Non avevo alcun dubbio! Ma adesso, finalmente, si può festeggiare!!!” “firmato” sul web da Salvo Pogliese. Che ha commentato con evidente gaudio la decisione della Corte d’Appello che ha dato ragione a Dario Daidone (vedi link) Apriti cielo! Carmelo Nicotra ha commentato, con tono severo: “C’è un inizio e una fine […]