Via Etnea, completato il pre-esercizio, da domani diventa “Area Pedonale video-controllata”


Da domani venerdì 17 giugno, via Etnea, da piazza Duomo fino ai pressi di Villa Bellini e piazza Vincenzo Bellini(Teatro Massimo) diventano ufficialmente “Area Pedonale video-controllata”, vera e propria isola pedonale con vigilanza elettronica, un fatto senza precedenti per il nostro centro storico.

Il controllo avverrà attraverso varchi elettronici, telecamere e presidi di Polizia Locale, che per 30 giorni è stato sperimentato positivamente in un mese di pre esercizio vigilato ma senza l’irrogazione di verbali ai contravventori.

Come per il borghetto al lungomare, anche per i tratti del centro storico il mese di pre-esercizio è stato attuato al duplice scopo di avviare il periodo di prova dei controlli e dare la possibilità a tutti gli aventi diritto di registrarsi e richiedere il pass di accesso.

I controlli con varchi elettronici e telecamere in via Etnea vigileranno da piazza Duomo alla Villa Bellini, in particolare nei seguenti tratti: via Vittorio Emanuele II, nei pressi del civico 148, lato nord, angolo via Raddusa; via Etnea, nei pressi del civico 46, lato est, angolo via Fragalà; via Etnea, nei pressi del civico 78, lato est, angolo via A. di Sangiuliano; via Etnea, nei pressi del civico 166, lato est, angolo piazza Stesicoro. 

Per proteggere Piazza Bellini una telecamera di controllo è stata installata in via Michele Rapisarda, nei pressi del civico 2, lato ovest, angolo via Antonino di Sangiuliano.

Saranno gli agenti della Polizia Municipale con il supporto degli operatori dell’AMTS a presidiare varchi e ingressi, mentre il Comune di Catania ha incaricato l’Azienda Metropolitana Trasporti e Sosta S.p.A. di rilasciare i pass elettronici agli aventi diritto collegandosi al sito internet www.amts.ct.it area Permessi accesso Aree Pedonali e ZTL. Il provvedimento, da domani, avrà carattere permanente e saranno elevate multe e sanzioni ai trasgressori. 

Il video controllo, che di fatto rende effettiva la pedonalizzazione, avviene principalmente a tutela e garanzia dello straordinario barocco con le sue bellezze artistiche e monumentali, meta di turisti ma anche zona logisticamente nevralgica per il capoluogo etneo, che in poche centinaia di metri racchiude piazza Duomo, piazza Università, Palazzo degli Elefanti e quello dei Chierici, il Rettorato Universitario, Palazzo Sangiuliano, la Prefettura con Palazzo Minoriti, Palazzo San Demetrio e altri beni di particolare valore storico. 


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

(comunicato di ASIA USB CATANIA)Le famiglie che da anni occupano una palazzina in via Calatabiano n°49, edificio abbandonato da tantissimo tempo dai proprietari all’usura del tempo, continuano a rimanere senz’acqua.Dal 14 giugno queste famiglie, 30 persone, fra cui minori e disabile, sono senz’acqua perché la SIDRA su richiesta della  proprietà, la FINCOB , ha disattivato […]

1 min

La deputata del gruppo ManifestA Simona Suriano, a seguito delle denunce del Comitato Popolare Antico Corso, ha presentato una interrogazione parlamentare per chiedere chiarezza sul progetto dell’ateneo di Catania relativo alla costruzione di diverse aule universitarie in un’area di grande pregio e nella quale sono emersi, di recente, nuovi reperti e ove insiste un’antica villa […]

1 min

Non giovedì, ma lunedì 4 luglio! Ecco l’Annunciazione: “Il 4 Luglio alle ore 10.00 presso la sala Coppola di Palazzo degli Elefanti il vice Presidente del Consiglio Comunale di Catania Lanfranco Zappalà presenta il progetto “Catania 2023 – Un Sogno da Costruire Insieme”Lanfranco darà così il via alla campagna di ascolto per determinare il futuro […]