Pd: riflessioni su un disastro


Pubblicato il 05 Gennaio 2023

L’esito elettorale del 25 settembre 2022 ha evidenziato la crisi strisciante del PD, che da attenta osservazione non ha avuto origine di recente. Per una disamina realistica, bisogna andare in là negli anni passati, attenzionando la successione delle varie fasi di trasformazione vissute da questo soggetto politico.

Il tutto nasce con la positiva intuizione,dettata dalla necessità storica del  momento,realizzata da Achille Occhetto con il traghettamento del PCI in PDS: questo è stato un importante passaggio di quella evoluzione politica, ma non fu completa nè coraggiosa, neanche nella scelta del nome, che avrebbe dovuto connotare una chiara appartenenza alla famiglia della socialdemocrazia europea. Se ciò fosse avvenuto, avrebbe probabilmente reso più difficoltoso  “quell’accrocchio mal riuscito”(così definito a ragion veduta da D’Alema), successivamente realizzato da Veltroni in una” visione -allucinazione” simil USA che ha portato alla nascita del PD quale contenitore delle due culture prevalenti del compromesso storico. Ma come in botanica, non si possono innestare generi completamente diversi e ciò vale anche nel caso di tradizioni politiche sia pure nobili ma molto diverse.

Da quel momento, esemplificando il PD ha continuato a galleggiare e governare ad ogni costo, sia pure nell’interesse del paese, perdendo via via quella connotazione politica di sinistra (abolizione art.18, e varie) e dunque della difesa degli interessi  dei lavoratori da sempre rappresentati. Nel dibattito precongressuale di questi giorni, dopo circa trent’anni, i big  delle varie aree, si sono accorti finalmente, che uno dei principali problemi del partito è quello identitario, meglio tardi che mai!

Auspicando quindi che il prossimo congresso possa dare una chiara identità socialdemocratica-anche col nome (PSD), per tornare ad essere riferimento politico del

mondo del lavoro con anche la adozione del seguente assunto: “Siamo social democratici perchè il socialismo non vale niente senza democrazia e perchè una democrazia non sociale non è democrazia”.

Contestualmente ci auguriamo il superamento della attuale sindrome di Stoccolma nei confronti dei 5stelle.Riusciranno in  questo difficile compito?Non rimane che attendere.

Sapendo comunque che non è più tempo di temporeggiamenti e di soluzioni indistinte(costi quel che costi), perchè diversamente come ha preconizzato il filosofo CacciariCacciari, l’obiettivo sarà il 2%.

Concludendo il prossimo congresso sarà utile al partito se riuscirà a dare una collocazione visibile e chiara, in quanto trattasi di un patrimonio politico che non può essere dissipato, necessario al funzionamento equilibrato della democrazia, specie in questa fase politica che la nazione attraversa.

Nino Scrima.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

comunicato M5s-Pd Dai recenti lavori portati avanti nelle commissioni consiliari, apprendiamo che a breve, presumibilmente la prossima settimana, verranno pubblicati i primi due bandi per l’assunzione di 80 agenti di polizia locale e 28 istruttori tecnici a tempo indeterminato, con costi totalmente a carico dell’ Ente. Una anomalia se consideriamo il fatto che il comune […]

1 min

Nuovo incarico per il dimissionario Coordinatore Cittadino giarrese dott. Nicola Gangemi, che con l’avallo del Segretario Nazionale Totò Cuffaro è stato nominato dal Segretario provinciale della Democrazia Cristana di Catania, Avv. Piero Lipera, Coordinatore del Collegio Jonico del comprensorio dei Comuni di Giarre, Riposto e Mascali. Il dott. Nicola Gangemi, importante esponente attivo della formazione […]

2 min

“Una Vita per la Pittura” è il titolo della mostra personale di Michele Russo in programma a Palermo a partire dal 31 maggio fino al prossimo 7 giugno, nel Salone delle Adunanze della sede dell’ANMIG, in via Alessandro Scarlatti 14. L’esposizione celebra il talento e la creatività dell’artista, nativo di Termini Imerese. Nei suoi dipinti dal tratto unico e […]

1 min

Iena comunista. “Compagno” Enrico, nell’ultimo post ti sei superato. Oltre 700 parole e più di 4500 battute. E un linguaggio che sembra quasi una “memoria difensiva”. Mi chiedo: ma questo amore “incondizionato” per Catania come mai non lo hai mai esternato e messo in atto nel passato? Eppure hai vissuto a Catania. Anche da semplice […]