5 gennaio, Mimmo Cosentino (Rifondazione): “un necrologio su LaSicilia simbolo della pacificazione a Catania”


Pubblicato il 05 Gennaio 2023

“La Sicilia di Mario Ciancio pubblica oggi un necrologio con l’annuncio di una Messa che sarà tenuta in  il 6 gennaio nella Chiesa dei Santi Pietro e Paolo in ricordo di Giuseppe Fava. Un atto pubblico che segue l’evento serale organizzato  presso Zo’ dalla Fondazione Fava e che vede protagonisti il redattore de La Sicilia Mario Barresi e i giornalisti Claudio Fava, Miki Gambino, Riccardo Orioles.  Se ci aggiungiamo il premio attribuito da I siciliani giovani a Salvatore Resca, animatore di Città Insieme, abbiamo la plastica composizione dell’avvenuta pacificazione tra le espressioni di mondi finora letti e rappresentati come contrapposti.  Un percorso avviato da molti anni in prima persona da Claudio Fava, sin dalla sua elezione a deputato regionale con la lista dei Cento passi, cui seguì la sua elezione a Presidente della Commissione parlamentare regionale Antimafia, con sponsor di eccezione Gianfranco Miccichè e Nello Musumeci. E la contestuale liquidazione della coalizione politica che aveva determinato la sua elezione: è utile ricordare che la sua prima manifestazione pubblica vide sullo stesso palco a Palermo come coprotagonisti il già citato Mario Barresi e lo scrittore Pierangelo Buttafuoco. Alla vigilia delle elezioni municipali, che vorremmo dessero a Catania un sindaco degno della fiducia di una comunità che non si sente degnamente rappresentata da gente come Pogliese e i tanti che lo hanno preceduto, arrecandovi ferite mortali sul carattere costituente dell’interesse pubblico, da loro negato a vantaggio di privatizzazioni esternalizzazioni cementificazioni, abbiamo il sospetto che si voglia riproporre quel Patto civico per Catania, che, con il sostegno di Città insieme e de La Sicilia di Mario Ciancio, delle corporazioni professionali e della grande imprenditoria catanese, portò alla elezione di Enzo Bianco. In realtà lo stesso blocco sociale negli stessi anni determinava l’elezione di Nello Musumeci a Presidente della Provincia.

Per una banale coincidenza, ieri mattina si è tenuta l’intitolazione della piazzetta di Ognina a Giambattista Scidà, compianto Presidente del Tribunale per i minorenni, assente la stragrande maggioranza di quella “società civile” e di quel movimento che si ritiene detentore del Codice antimafia, sulla cui coerenza interpretativa e applicativa c’è molto da discutere. C’era invece una folta rappresentanza delle istituzioni: la loro presenza le responsabilità del degrado urbanistico, della crisi sociale ed economica, del dissesto finanziario di Palazzo degli Elefanti, del triste primato nazionale fatto registrare da Catania nel campo della dispersione scolastica, della pessima qualità della vita segnata dalla negazione all’accesso pubblico al mare, della carenza di verde e servizi, di una mobilità urbana caotica e inquinante, del segno repressivo e cinico che si manifesta per i senza tetto (vedi vicenda sgombero Piazza della Repubblica). Ed è di pessimo auspicio per il futuro, anche per la nuova legislazione del governo  Meloni, l’assenza della Procura  nella produzione di interventi significativi di contrasto al “ballo del mattone”, fenomeno diffuso e dilagante”.

Mimmo Cosentino, segretario provinciale di Rifondazione Comunista.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

Da Marco Iacona arriva “A Destra niente di nuovo, quasi un diario di bordo” Malgrado questa destra di governo, c’è ancora vita a destra? Dopo avere letto il lavoro di Marco Iacona “A Destra niente di nuovo quasi un diario di bordo” per i tipi di “Youcanprint”, la speranza resta. Ma la disperazione corre lungo […]

6 min

Riceviamo e pubblichiamo: “Magnifico Rettore, Chiar.mi componenti del Senato accademico,In preparazione del prossimo Senato, e profondamente convinti del valore del dibattito interno alla nostra comunità accademica, poniamo alla Vostra attenzione la lettera aperta qui allegata, chiedendo di aprire un confronto franco sulla questione di Gaza e della Palestina. Anche alla luce degli sviluppi nel frattempo […]

6 min

Sulle emergenze cenere e rifiuti abbiamo rivolto qualche domanda all’Avv. Fabio Cantarella, già assessore all’ecologia nella giunta Pogliese a Catania. Fabio Cantarella Catania è sommersa dalla cenere dell’Etna: di chi è la responsabilità?  Non vedo una responsabilità in particolare ma la nostra solita incapacità collettiva a valorizzare il patrimonio naturale e architettonico siciliano. In Europa […]

1 min

Nella foto il sindaco Ruggero Strano. Il sindaco di Catania “perde” ancora: cos’è accaduto? Ruggero Strano, sindaco di Castel di Judica, comune della provincia etnea, ha emesso ordinanza per decespugliare gli argini delle strade metropolitane ricadenti nell’area dello stesso comune. L’ordine non è stato eseguito, di qui la verbalizzazione contro…il sindaco metropolitano! E dire che […]