Il libro di GINO STRADA : una persona alla volta


In poco più di tre settimane il libro di Gino Strada Una persona alla volta” – Editore Feltrinelli -, nella classifica dei libri più acquistati in Italia si trova al primo posto nella sezione saggistica e ai primi posti nella classifica generale “top 10”.

E’ un atto corale di vero e proprio sommo onore civile elargito postumo alla morte avvenuta il 13 agosto dello scorso anno a settantatré anni, al massimo rappresentante – nazionale e internazionale – assertore dell’assoluta necessità della pratica della Pace contro i cultori degli armamenti ( 2000 miliardi di dollari nel 2020, nel contempo il bilancio dell’Organizzazione mondiale della sanità è pari a due miliardi di dollari, lo 0,10% di quando si spende per le armi) e dalle pratiche guerresche che hanno insanguinato e devastato molte aree della nostra Terra dalla fine della seconda guerra mondiale.

E’ impressionante constatare che l’uscita del libro ha coinciso con la guerra che martirizza una parte di grande rilievo dell’Europa, l’Ucraina, con la Russia invasore.

Con la sua impetuosa soggettività caratterizzato dalle esperienze sociali maturate fin da giovane ( nativo di Sesto S. Giovanni da famiglia di operai), come chirurgo e costruttore instancabile di pratiche di pace, è stato il “nucleo” propulsivo fondamentale della nascita di Emergengy nel 1994, la struttura assistenziale sanitaria internazionale che, grazie alla grande e fattiva partecipazione coinvolgente dei tanti donatori sottoscrittori, ha promosso una pregiata attività di sostegno medico alle vittime delle guerre nelle aree più diseredate del mondo ( imponenti le attività in Afghanistan) , poi esteso con cure specialistiche e di tipo generale ai poveri e diseredati in varie parti planetarie, compreso il nostro paese.

Nel 2015 a Gino Strada fu assegnato in Svezia il “Premio Nobel alternativo”. Iniziò con le seguenti parole il “messianico” intervento di ringraziamento “ abolire la guerra unica speranza per l’umanità”:

“ Io sono un chirurgo. Ho visto i feriti (e i morti) di vari conflitti in Asia, Africa, Medio Oriente, America Latina e Europa. Ho operato migliaia di persone, ferite da proiettili, frammenti di bombe o missili. Aggiungendo, poi, tra l’altro:

“ Mi è occorso del tempo per accettare l’idea che una “strategia di guerra” possa includere prassi come quella di inserire, tra gli obiettivi, i bambini e la mutilazione dei bambini del “Paese nemico”. Armi progettate non per uccidere, ma per infliggere orribili sofferenze a bambini innocenti, ponendo a carico delle famiglie e della società un terribile peso. Ancora oggi quei bambini sono per me il simbolo vivente delle guerre contemporanee, una costante forma di terrorismo nei confronti dei civili”………

 

Nella breve premessa Gino Strada ringrazia vivamente la moglie Simonetta Gola poiché “ mi ha spinto a tirare le fila di quello che ho visto e vissuto”.

Infatti, è proprio questa dinamica a rappresentare l’essenza che il libro sviluppa nel suo percorso.

* Le memorie di una vita intensa, animata, passionale e civilmente gloriosa, essenzialmente utilizzata per aiutare gli altri.

Lo schieramento totale ed esclusivo con le vittime delle guerre, i feriti e i mutilati, donne, uomini e bambini, con le attività sanitarie rivolte in particolare ai civili e senza distinzione alcuna nelle rappresentazioni del “gioco” della guerra.

* Il messaggio forte, costante, laborioso e imponente praticato per tanti decenni in tutte le possibili occasioni divulgative, contro i deliri ideologi che hanno portato tutti gli Stati del mondo – a partire da quelli più grandi e potenti – a incrementare notevolmente le spese militari : in addetti, ferraglie elargitrici morte multipla con distruzioni generalizzate, e “modernizzazione” dei micidiali strumenti nucleari militari pronti a distruggere la nostra Gaia Terra per innumerevoli volte, compreso tutte le forme di vita.

* Il ripudio assoluto, quindi, della guerra, “ come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali” ( art. 11 della nostra Costituzione), e l’esortazione a costruire un mondo senza guerra.

L’elogio alla sanità pubblica, strumento fondamentale di assistenza e di cura generalizzata, a partire dalle fasce di popolazione economicamente più disagiate. L’essenzialità alla smilitarizzazione e all’avvio di un grande processo educativo alla pace e di salvaguardia ambientale.

In questa fase di imperversanti orrori guerreschi nelle pagine 70 e 71 del libro Gino Strada ci ricorda il memorandum delle principali efferatezze di guerra, scrive:

……..” La grande carneficina della prima guerra mondiale è stato un disastro molto più grande di quanto si sarebbe potuto immaginare al suo inizio. Una violenza inaudita. Settanta milioni di giovani furono inviati a massacrarsi al fronte, più di dieci milioni di loro non tornarono a casa. Per la prima volta vennero usate armi chimiche, prima sulle trincee nemiche, poi sulla popolazione. Circa tre milioni di civili persero la vita per atti di guerra, altrettanti morirono di fame, di carestia, di epidemie.

Trent’anni dopo, alla fine della Seconda guerra mondiale, i morti furono tra i sessanta e i settanta milioni. Questa incertezza sulla vita o la morte di dieci milioni di persone è la misura del mattatoio che si consumò tra il 1939 e il 1945: così tanti morti da non riuscire neanche e a contarli.

Gli uomini e le donne di quel tempo conobbero l’abisso dell’Olocausto e i bombardamenti aerei sulle città. Era l’area bombing, il bombardamento a tappeto di grandi aree urbane; Londra, Berlino, Dresda, Amburgo, Tokio….Non esisteva più un bersaglio militare, un nemico da colpire: il nemico era la gente, che pagava un prezzo sempre più alto. L’obiettivo era “ la distruzione delle città e l’uccisione dei lavoratori tedeschi, la distruzione della vita civile in tutta la Germania” . Sir Arthur Harris, comandante in capo della Royal Air Force, lo rivendicativa pubblicamente, senza nessun pudore e nessuna cautela.

E poi le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki, che cambiarono la storia del mondo. L’uomo aveva creato la possibilità dell’autodistruzione.

Nella Seconda guerra mondiale le vittime civili furono più del 60 per cento, in pratica, due terzi non avevano mai imbracciato un’arma. Sono proprio queste persone disarmate, a testimoniare la follia della guerra e l’assoluta incapacità a controllarla…………..

Dopo il 1945 hanno insanguinato il pianeta altri 265 conflitti interni o internazionali, con una percentaile di vittime civili che ha continuato a salire.

Sparito il campo di battaglia, eserciti e gruppi ribelli, fazioni in lotta con o senza divisa si sono affrontati nel mezzo delle città, tra le scuole e le case, tra i mercati e gli ospedali. Tra i cittadini.

Il risultato è stato che più di venticinque milioni di esseri umani hanno perso la vita nelle guerre del cosiddetto “ secondo dopoguerra”. Le vittime buon combattenti, una ogni dieci all’inizio del Novecento, erano diventate nove alle soglie del Duemila…….. “

Un libro di grande rilevanza, che ci permette di conoscere meglio la personalità e l’agire di quello che fu il “Papa laico”, e di riflettere sull’assoluta urgenza di contribuire a cambiare il perverso e distruttivo stato dell’arte che caratterizza il nostro stato organizzato di Esseri umani.

domenico stimolo.

 


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

(comunicato di ASIA USB CATANIA)Le famiglie che da anni occupano una palazzina in via Calatabiano n°49, edificio abbandonato da tantissimo tempo dai proprietari all’usura del tempo, continuano a rimanere senz’acqua.Dal 14 giugno queste famiglie, 30 persone, fra cui minori e disabile, sono senz’acqua perché la SIDRA su richiesta della  proprietà, la FINCOB , ha disattivato […]

1 min

La deputata del gruppo ManifestA Simona Suriano, a seguito delle denunce del Comitato Popolare Antico Corso, ha presentato una interrogazione parlamentare per chiedere chiarezza sul progetto dell’ateneo di Catania relativo alla costruzione di diverse aule universitarie in un’area di grande pregio e nella quale sono emersi, di recente, nuovi reperti e ove insiste un’antica villa […]

1 min

Non giovedì, ma lunedì 4 luglio! Ecco l’Annunciazione: “Il 4 Luglio alle ore 10.00 presso la sala Coppola di Palazzo degli Elefanti il vice Presidente del Consiglio Comunale di Catania Lanfranco Zappalà presenta il progetto “Catania 2023 – Un Sogno da Costruire Insieme”Lanfranco darà così il via alla campagna di ascolto per determinare il futuro […]